La perla nascosta: economia domestica per preparare cittadini consapevoli e competenti

Foto: Sharon McCutcheon / Unsplash.com

Secondo i risultati di un sondaggio sul preparare i giovani alla vita quotidiana nella società, è opinione comune che le competenze della vita quotidiana non si apprendono in modo naturale. Pertanto, l’educazione scolastica dovrebbe contribuire alla loro acquisizione, ma il quesito fondamentale è: come preparare gli studenti agli aspetti pratici della vita sociale? In questo articolo, Jaana Taar (Università di Tallinn) condivide con noi i suoi pensieri, dato che a questa domanda dedica ormai da anni le sue riflessioni.

A questa domanda i vari paesi danno risposte diverse. Per esempio, i paesi scandinavi e baltici hanno inserito l’economia domestica nei programmi scolastici perché, in quanto area curriculare, fornisce agli studenti conoscenze e abilità per prepararli alla vita. Tuttavia, lavorare in questo settore mi costringe ad analizzare cosa significa in realtà l’espressione “prepararsi alla vita”. Cos’è che i giovani hanno bisogno di sapere per affrontare le situazioni quotidiane oggi e nel prossimo futuro? Come sta cambiando la società e quali competenze saranno essenziali nella vita quotidiana tra cinque, dieci o quindici anni? Lo sviluppo sostenibile e l’apprendimento sociale sono stati tra i concetti chiave dell’ultimo decennio, ma i grandi cambiamenti sono veloci, e questi concetti hanno già acquisito nuovi significati. Invece delle domande di cui sopra, oggi potremmo chiederci quali competenze sono necessarie agli individui per gestire le loro attività quotidiane e gli impegni lavorativi in un mondo isolato, come quello creato dal COVID-19. In un mondo che cambia costantemente ci si aspetta che le persone siano analitiche e aperte ai cambiamenti.

Ai miei occhi, l'economia domestica è una perla nascosta. I vantaggi di questa materia scolastica passano spesso inosservati, anche se potrebbero essere ripensati nel contesto della preparazione degli studenti alla vita sociale. Questa materia scolastica, nel suo significato più ampio, ha un ruolo importante nell'educazione. Le lezioni di economia domestica ben organizzate ricreano situazioni quotidiane e danno agli studenti la possibilità di esercitarsi a risolvere problemi reali. I compiti nelle lezioni di economia domestica sono complessi e quindi permettono un'integrazione multidisciplinare nel curriculum. Gli studenti hanno davvero la possibilità di dare un senso e capire come la conoscenza (spesso teorica) che attingono da altre materie scolastiche o da contesti di apprendimento informale potrebbe essere utilizzata in modo significativo nel quotidiano. Così, imparano per agire, per diventare cittadini indipendenti, responsabili e consapevoli.

Vedo che il mondo contemporaneo ha bisogno di cittadini intenzionati a impegnarsi, per esempio analizzando i loro gesti quotidiani, partecipando a discussioni nella loro comunità, o intraprendendo azioni trasformative per ridurre la loro impronta di carbonio. L'impegno è già previsto nelle lezioni scolastiche quando gli studenti lavorano in collaborazione. L'economia domestica ha un potenziale anche in questo senso, poiché gli studenti spesso lavorano in coppia o in piccoli gruppi per risolvere i compiti insieme. L'interazione permette agli studenti di condividere le loro esperienze con i coetanei in situazioni di apprendimento e di utilizzare le conoscenze acquisite per costruire la comprensione. I miei studi sull'interazione nelle lezioni di economia domestica hanno dimostrato l'efficacia della condivisione delle conoscenze e del pensiero degli studenti: ho visto come gli studenti imparano gli uni dagli altri. Praticare l'impegno a scuola è essenziale per acquisire una voce ma anche un senso di responsabilità verso gli altri.

Gli insegnanti hanno un ruolo importante nella scelta dei contenuti e dei metodi didattici. Tuttavia, il valore dell’insegnamento dell’economia domestica deve essere riconosciuto prima di tutto dalla politica. L'economia domestica può insegnare l'adattabilità, dando agli studenti gli strumenti essenziali per soddisfare le richieste della società e aiutandoli a praticare un atteggiamento di apertura mentale verso la società che cambia, se la materia è vista in modo ampio e il contenuto non è limitato solo ad alcuni aspetti (come la preparazione del cibo o gli studi sui consumi).


Jaana Taar

Jaana Taar è docente di economia domestica all’Università di Tallinn, Estonia. Ha conseguito un dottorato all’Università di Helsinki , con una ricerca su “L’interthinking nell’educazione all’economia domestica in Estonia”.