CARES: le competenze relazionali ed emotive dell’insegnante

Immagine: Mary Long / Adobe Stock

Da quando si presta maggiore attenzione all'armonia nel contesto educativo, abbiamo appreso che il benessere sociale ed emotivo degli studenti va di pari passo con la competenza sociale ed emotiva degli insegnanti. Sulla base di questa osservazione, Carmel Cefai dell’Università di Malta propone cinque competenze essenziali per ogni insegnante, racchiuse nell’acronimo CARES.

Per sviluppare le competenze sociali ed emotive degli studenti, gli insegnanti devono possedere essi stessi le competenze relazionali ed emotive richieste. Attraverso la loro pratica e la modellazione di competenze come l'empatia, la comunicazione efficace, la costruzione di relazioni, il lavoro di squadra e la gestione costruttiva dei conflitti, gli insegnanti sono in grado di creare una forte cultura di classe che promuove l'apprendimento e la pratica di queste competenze da parte degli studenti come un processo quotidiano in aula. Questo articolo suggerisce che gli insegnanti dovrebbero, in primo luogo, possedere competenza sociale, alfabetizzazione emotiva e resilienza. Gli insegnanti CARES sono:

  • Collaborative (Collaborativi). Gli insegnanti collaborativi permettono agli studenti di avere voce in capitolo nella pedagogia, nella valutazione, nella gestione del comportamento e nell'uso delle risorse della classe. Attraverso la loro condivisione della pratica e delle responsabilità con i colleghi come una squadra e con i genitori come partner, essi forniscono buoni modelli di ruolo per gli studenti sul lavoro e l'apprendimento collaborativo. L'insegnante autoritario è stato sostituito dall'insegnante autorevole, collaborativo e democratico. Gli insegnanti insegnano, ma sono anche aperti a imparare dagli studenti, dai colleghi e dai genitori.
  • Adaptive, flexible, resilient (Capaci di adattarsi, flessibili, resilienti). Quando si trovano di fronte a situazioni difficili e comportamenti imprevedibili, gli insegnanti devono rimanere positivi e ottimisti, utilizzando i loro punti di forza, le risorse e le reti sociali per trovare soluzioni e superare le difficoltà. Devono anche essere flessibili e riflessivi, valutando ciò che funziona e ciò che non funziona e cambiando marcia secondo necessità. Allo stesso tempo, devono continuare a credere in sé stessi anche nelle situazioni difficili, il che a sua volta sostiene il loro entusiasmo nel lavoro. Questo approccio resiliente aiuta a trasformare le sfide in opportunità di apprendimento per lo sviluppo personale e professionale.
  • Relationships-focused (Concentrati sulle relazioni). Le relazioni forniscono una solida base su cui può avvenire l'apprendimento. Gli insegnanti hanno bisogno di costruire relazioni premurose e fiduciose dove gli studenti si sentono sicuri e protetti e dove l'apprendimento può prosperare. Devono avere buone capacità di comunicazione e di ascolto, essere pazienti e compassionevoli, e passare abbastanza tempo con gli studenti per sostenerli secondo i loro bisogni. Le loro relazioni con altri adulti, come colleghi e genitori, servono anche come buoni modelli di costruzione di relazioni per gli studenti.
  • Empathic (Empatici). Gli insegnanti empatici fanno uso di abilità come l'ascolto e il feedback per comprendere i diversi bisogni di apprendimento e socio-emotivi degli studenti e per rispondere a tali bisogni cambiando la loro pratica e il loro comportamento. L'empatia è una competenza interculturale chiave, che aiuta gli insegnanti ad essere culturalmente reattivi, equi e non discriminatori, e tali comportamenti servono anche a promuovere la diversità e a prevenire il bullismo tra pari. Essere empatici significa anche che gli insegnanti potrebbero aver bisogno di essere pronti a lavorare sui propri pregiudizi (a volte nascosti) per diventare più aperti e reattivi alla diversità.
  • Self-regulated (Capaci di autogestirsi). Gli insegnanti socialmente ed emotivamente competenti sono in grado di regolare i propri pensieri per ragionare in modo più positivo e di gestire sentimenti forti come frustrazione, rabbia e tristezza. Di fronte a situazioni difficili, rimangono calmi, positivi e in equilibrio. Nei loro contrasti con gli studenti, modellano la risoluzione costruttiva dei conflitti, come dare agli studenti il diritto di replica e discutere le conseguenze con loro. La mindfulness sta diventando la strategia preferita dagli insegnanti per mantenere l'equilibrio e l'autoregolazione. L'esercizio fisico/sport, parlare con i colleghi e mantenere le cose in prospettiva sono altre strategie comuni utilizzate da molti insegnanti nell'autogestione.

Affinché gli insegnanti sviluppino e mantengano le competenze CARES, è necessario che siano supportati da una formazione continua prima e durante il servizio, dal coaching, dal mentoring e dalle comunità professionali. Non possiamo aspettarci che lo facciano da soli.


Carmel Cefai

Carmel Cefai, PhD (Lond), FBPS, è docente di psicologia e direttore del Centre for Resilience and Socio-Emotional Health all’Università di Malta. Ha fatto ricerche e pubblicato diffusamente su questioni relative all'educazione sociale ed emotiva e alla resilienza. Ha iniziato la sua carriera come insegnante.