3. Sostegno agli studenti

3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato

Il successo scolastico e il rischio di abbandono sono fortemente connessi alla situazione socioeconomica degli studenti. Gli effetti della situazione socioeconomica sono evidenti in tutti i sistemi di istruzione e formazione europei. Rispetto ai bambini provenienti da contesti avvantaggiati, i bambini che vengono da contesti socioeconomici sfavorevoli tendono ad usufruire e beneficiare meno del sistema di educazione e cura della prima infanzia.  Se non si fornisce un sostegno aggiuntivo ai bambini per colmare il divario educativo, questo svantaggio iniziale può accentuarsi negli anni della scuola. È appurato invece che la partecipazione paritaria a un sistema di educazione e cura della prima infanzia di buon livello qualitativo è uno degli approcci più efficaci per combattere le disuguaglianze socioeconomiche nel successo scolastico.

Mostra altro

Risorse didattiche ( Cerca in tutte le risorse )

Attenzione: per il momento, il contenuto della pagina Risorse è disponibile solo in inglese.

Berättarministeriet – Il Ministero dello storytelling

Il Berättarministeriet (Il Ministero dello storytelling) è una fondazione che sostiene insegnanti e studenti di zone svantaggiate sotto il profilo socioeconomico affinché sviluppino il proprio linguaggio attraverso lo storytelling. Si tratta di un’iniziativa privata che da dieci anni lavora in stretta collaborazione con i comuni e con le scuole.

Aree: 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti

Sotto-aree: 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.2. Gli insegnanti e il rapporto con studenti e genitori; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.8. Sostegno mirato: lingua; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; GA; HR; HU; IS; IT; LT; LV; MK; MT; NL; NO; PL; PT; RO; SK; SL; SR; SV; TR

Paese: Svezia

Dieci motivi per l'assenteismo (Tio orsaker till avhopp)

Una relazione che contiene i risultati di una ricerca nonché interviste con le persone che hanno abbandonato la scuola. 379 giovani che non hanno completato gli studi secondari superiori condividono le loro esperienze nella relazione. Le risposte provengono da giovani che hanno partecipato a progetti dei Fondi strutturali europei. Hanno risposto a domande sui motivi dei ritardi, su cosa si sarebbe potuto fare per evitare l'abbandono e condividono la loro visione sulla scuola secondaria superiore perfetta.

Area: 3. Sostegno agli studenti

Sotto-aree: 3.2. Partecipazione degli studenti alla vita scolastica; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL

Paese: Svezia

Malmaskolan

To improve student success and prevent early school leaving, the Malmaskolan established a Student Health Team, comprised of a school nurse, a special education teacher, the principal, the school counselor, the leisure-time pedagogues, the study and career counselor, a social worker, the school physician and a school psychologist. Since 2005, this Health Team has been the core for the development of teaching at the school, and is a hub for both teaching and school development. They have open meetings thrice weekly where teachers can discuss issues, and where a wide range of potential measures to support students is identified.

Aree: 1. Governance delle scuole; 3. Sostegno agli studenti; 4. Coinvolgimento dei genitori; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 1.1. Cultura e clima scolastici; 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.2. Gli insegnanti e il rapporto con studenti e genitori; 2.4. Benessere degli insegnanti; 3.1. Benessere degli studenti; 3.2. Partecipazione degli studenti alla vita scolastica; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.10. Sostegno mirato: bisogni educativi speciali e difficoltà di apprendimento; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 4.2. Coinvolgimento dei genitori nella governance delle scuole; 5.1. Équipe multidisciplinari

Lingua: EN

Paese: Svezia

Prevenire l’abbandono scolastico: esame del potenziale delle politiche educative inclusive a livello sistemico e individuale

Il progetto Preventing School Failure (PSF) aveva lo scopo di affrontare la mancanza di inclusione ed equità nei sistemi educativi, evidenziando come l’abbandono scolastico sia inversamente proporzionale all’implementazione delle politiche inclusive. Obiettivo del progetto era esaminare i dati che suggeriscono come le politiche educative inclusive hanno il potenziale di prevenire l’abbandono e il fallimento scolastico, sia a livello individuale che a livello sistemico. 

 

Aree: 1. Governance delle scuole; 3. Sostegno agli studenti; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 1.2. Pianificazione e monitoraggio scolastici; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 5.2. Reti delle parti interessate; 5.3. Partenariati: datori di lavoro e imprese; 5.4. Partenariati: organizzazioni della comunità locale e società civile

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; GA; HR; HU; IS; IT; LT; LV; MK; MT; NL; NO; PL; PT; RO; SK; SL; SR; SV; TR

Paese: Estonia; Finlandia; Germania; Grecia; Irlanda; Islanda; Lettonia; Malta; Regno Unito; Repubblica Ceca; Serbia; Slovacchia; Svezia

Progetti nordici per combattere l'abbandono scolastico

L'obiettivo della relazione "Nordic Projects to Combat School Dropout" (Progetti nordici per combattere l'abbandono scolastico) è di migliorare e ispirare nuove iniziative per i giovani nonché di creare contatti arricchenti tra gli attori e le organizzazioni della regione nordica.
Il "Nordic Web Resource on Dropout from Upper Secondary Education" è stato un progetto commissionato dal Consiglio nordico dei ministri e gestito dal Nordic Welfare Centre tra il 2012 e il 2015. L'obiettivo del progetto era di raccogliere buoni esempi di iniziative volte ad aumentare la percentuale di giovani della regione nordica che completano l'istruzione secondaria superiore.
Sul portale web del Consiglio nordico è stata presentata una vasta gamma di progetti di successo dei paesi nordici. Le iniziative sono state valutate esternamente e hanno evidenziato risultati positivi. Alcune attività sono state scelte specificamente per il loro carattere innovativo o il loro valore come fonte di ispirazione.Nonostante le differenze burocratiche e culturali tra i paesi nordici, la situazione dei giovani a rischio di abbandono scolastico è sorprendentemente simile. Le differenze sono talvolta maggiori a livello di comuni e scuole piuttosto che tra i paesi. Conoscendo le iniziative di successo nei paesi nordici, è possibile trovare ispirazione e strumenti per migliorare il lavoro per aiutare tutti i giovani a completare la loro istruzione secondaria superiore.In questa pubblicazione vengono descritti dieci progetti presentati sul portale web delle buone pratiche della regione nordica. Alcuni dei progetti sono stati completati, mentre altri sono ancora in corso. Alcune attività sono state inserite nel lavoro ordinario.

Aree: 1. Governance delle scuole; 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti; 4. Coinvolgimento dei genitori; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 1.1. Cultura e clima scolastici; 1.2. Pianificazione e monitoraggio scolastici; 1.3. Gestione scolastica; 1.4. Collaborazione all'interno del sistema scolastico; 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.2. Gli insegnanti e il rapporto con studenti e genitori; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 2.4. Benessere degli insegnanti; 3.1. Benessere degli studenti; 3.2. Partecipazione degli studenti alla vita scolastica; 3.3. Orientamento e sostegno; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.5. Apprendimento e valutazione; 3.6. Apprendimento esteso ed extracurricolare; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.8. Sostegno mirato: lingua; 3.9. Rifugiati, migranti e rom; 3.10. Sostegno mirato: bisogni educativi speciali e difficoltà di apprendimento; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 4.1. Comunicazione e informazione; 4.2. Coinvolgimento dei genitori nella governance delle scuole; 4.3. Spazi per i genitori e coinvolgimento nelle attività didattiche; 4.4. Apprendimento familiare; 5.1. Équipe multidisciplinari; 5.2. Reti delle parti interessate; 5.3. Partenariati: datori di lavoro e imprese; 5.4. Partenariati: organizzazioni della comunità locale e società civile

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Danimarca; Finlandia; Islanda; Norvegia; Svezia

Rescur Surfing the Waves – Programma sulla resilienza

Rescur Surfing the Waves è stato un programma di apprendimento permanente del progetto Comenius grazie al quale è stato sviluppato un programma sulla resilienza attraverso la collaborazione interculturale e transnazionale. Il corso è stato destinato alle scuole dell’istruzione primaria e della prima infanzia in Europa.

Aree: 3. Sostegno agli studenti; 4. Coinvolgimento dei genitori

Sotto-aree: 3.1. Benessere degli studenti; 3.2. Partecipazione degli studenti alla vita scolastica; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.5. Apprendimento e valutazione; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.8. Sostegno mirato: lingua; 3.9. Rifugiati, migranti e rom; 3.10. Sostegno mirato: bisogni educativi speciali e difficoltà di apprendimento; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 4.1. Comunicazione e informazione; 4.4. Apprendimento familiare

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; GA; HR; HU; IS; IT; LT; LV; MK; MT; NL; NO; PL; PT; RO; SK; SL; SR; SV; TR

Paese: Bulgaria; Croazia; Grecia; Irlanda; Italia; Lituania; Malta; Portogallo; Svezia; Turchia

The Tolerance Project

Teachers, social workers and community youth workers in Kungälv work together to identify high-school teenagers in or at risk of joining neo-Nazi gangs. They map local social structures and interrelationships to identify trouble spots and at-risk youth. The project then works with them to disassemble toxic activities and connects them to more positive relationships, activities and influences. The model also includes a wider spectrum of stakeholders committed to influencing society’s attitudes.

Research shows a connection between leaving education and destructive environments, so another important long-term project goal is to ensure that the participating students complete the compulsory nine-year school system, and continue onto upper secondary school.
Impact - Today, there are no active Nazi or white supremacist organisations in Kungälv and no informal gangs. The Kungälv Model was replicated in 20 other cities in Sweden in the 2015/2016 academic year, (with $1 million investment from Ministry of Labour, the National Agency for Youth and Civil Society Affairs, Natur & Kultur Foundation, and Skandia Ideas for Life).

The Kungälv model has been highlighted by the UN as a viable and appropriate strategy to counter extreme intolerance among youths.

www.toleransprojektet.se

 

Aree: 3. Sostegno agli studenti; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 5.1. Équipe multidisciplinari; 5.4. Partenariati: organizzazioni della comunità locale e società civile

Lingua: EN

Paese: Svezia

Mostra i prossimi 10 risultati