2. Insegnanti

2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti

Sia la formazione iniziale che lo sviluppo professionale continuo degli insegnanti sono fondamentali per garantire l'acquisizione di abilità, competenze e conoscenze che consentano agli insegnanti di fare fronte alle diverse situazioni che si possono presentare in classe. La padronanza professionale si associa positivamente alla soddisfazione degli insegnanti. Questo vale soprattutto per gli insegnanti che operano in contesti più difficili, come scuole con alti livelli di svantaggio educativo e socioeconomico e gruppi molto eterogenei di studenti.

 

Mostra altro

Risorse didattiche ( Cerca in tutte le risorse )

Attenzione: per il momento, il contenuto della pagina Risorse è disponibile solo in inglese.

ATD QUART MONDE - MODULO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI

ATD Quart Monde è una ONG francese che opera con persone che vivono o hanno vissuto situazioni di povertà. Tra le varie iniziative, collabora con le università popolari in Francia allo scopo di generare e accumulare, grazie al contributo dei membri-partecipanti, conoscenze specifiche su una serie di temi tra cui genitorialità e percezione della scuola.

Aree: 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti

Sotto-aree: 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.2. Gli insegnanti e il rapporto con studenti e genitori; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Francia

Combating drop-out and early school leaving (ESL) in Serbia

UNICEF Serbia and the civil society organisation Centre for Education Policy with the support of the Ministry of Education, Science and Technological Development Republic of Serbia  implemented the project “Combating Early School Leaving in Serbia”.

This project aimed to contribute to decreasing drop-out and early school leaving of children and adolescents through development, establishment, and implementation of the school-based model for early identification of children at risk of dropping out and intervention in situations where dropping-out is taking place.

Combating drop-out and ESL in Serbia has been recognised as a policy priority area.  The Strategy for Education Development in Serbia 2020 (SEDS 2020) calls for the provision of high-quality education for all, an increase of students’ coverage and attainment at all levels of education by maintaining the relevance of education and increasing efficiency. The Strategy implementation is primarily focused on the development of human capital in Serbia, thus underlines importance of the inclusion of pupils from vulnerable and marginalised groups (Roma and children from poor families, children with disabilities and from rural areas etc.).

Aree: 1. Governance delle scuole; 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti; 4. Coinvolgimento dei genitori

Sotto-aree: 1.1. Cultura e clima scolastici; 1.2. Pianificazione e monitoraggio scolastici; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 5.1. Équipe multidisciplinari

Lingua: EN

Paese: Serbia

COMPRESENZA DI DUE INSEGNANTI IN DANIMARCA

I ricercatori dell’Università di Aarhus, in collaborazione con Ramboll Management Consulting, hanno svolto per conto del ministero dell’Istruzione danese uno studio randomizzato su larga scala, il primo nel suo genere in Danimarca. Lo studio ha esaminato gli effetti di tre tipologie di sistemi che prevedono la presenza in classe di due insegnanti e il relativo impatto sul progresso degli studenti, sul loro benessere e sulla partecipazione a scuola. I risultati dimostrano che tutti e tre i sistemi di compresenza di due insegnanti hanno degli effetti positivi, ma ciascun sistema in modo diverso.

Area: 2. Insegnanti

Sotto-area: 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Danimarca

Condivisione in microrete tra scuole

La rete coinvolge 10 gruppi di scuole in Portogallo (i gruppi includono diverse scuole, dalla prima infanzia alla secondaria) che collaborano su una serie di tematiche, quali pianificazioni della formazione, condivisione di esperienze e metodologie e, in alcuni casi, anche di risorse umane. Inoltre, la rete sviluppa gruppi di lavoro tematici, nei quali diverse questioni vengono discusse con gli alunni e con i partner della rete.

Aree: 1. Governance delle scuole; 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti

Sotto-aree: 1.4. Collaborazione all'interno del sistema scolastico; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.2. Partecipazione degli studenti alla vita scolastica

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Portogallo

Il treno dell’apprendimento

Ad Anversa, in Belgio, i futuri insegnanti possono lavorare come volontari presso la ONG Schoolbridge nell’ambito dell’iniziativa “Il treno dell’apprendimento”. L’iniziativa, da una parte, offre agli insegnanti in formazione un’esperienza diretta a contatto con genitori migranti e/o provenienti da un contesto svantaggiato e, dall’altra, aiuta i genitori a sviluppare competenze utili a sostenere i propri figli nello studio. I volontari lavorano con i genitori e li assistono una volta alla settimana per 60-90 minuti. Questo tipo di sostegno è personalizzato in base alle esigenze dei genitori e adattato alle lezioni o ai compiti assegnati a scuola. Nel loro percorso di formazione per diventare insegnanti o assistenti sociali, i tirocinanti sono a loro volta seguiti dall’assistente sociale in ambito scolastico della ONG Schoolbridge, poiché nella loro futura attività professionale si troveranno a lavorare con i genitori degli alunni.

Aree: 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti; 4. Coinvolgimento dei genitori

Sotto-aree: 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.6. Apprendimento esteso ed extracurricolare; 4.1. Comunicazione e informazione; 4.3. Spazi per i genitori e coinvolgimento nelle attività didattiche

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Belgio

Insegnamento cooperativo in Irlanda

Per molti anni, in Irlanda e altrove, l’insegnamento cooperativo è stato un approccio di sostegno allo studio relativamente sottovalutato e poco utilizzato. L’indagine internazionale sull’insegnamento e sull'apprendimento dell’OCSE (TALIS, 2009), svolta in 24 paesi, indica che la forma di collaborazione meno utilizzata dagli insegnanti della scuola secondaria tradizionale è quella che ha luogo all'interno dell'aula scolastica sotto forma di insegnamento cooperativo. Un’indagine TALIS più recente (2013) ha evidenziato l’efficacia dell’insegnamento cooperativo come sostegno sia agli insegnanti sia all’apprendimento degli studenti e ne ha riconosciuto nel contempo l’adozione relativamente lenta in molti contesti.

Area: 2. Insegnanti

Sotto-aree: 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Irlanda

Insieme al traguardo

Al fine di garantire il successo per tutti i bambini e prevenire l’abbandono scolastico, questo progetto realizzato nelle Fiandre (Belgio) è specificamente incentrato sull’introduzione di una cultura scolastica e su una serie di misure volte ad evitare la ripetenza.

Aree: 1. Governance delle scuole; 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti

Sotto-aree: 1.1. Cultura e clima scolastici; 1.2. Pianificazione e monitoraggio scolastici; 2.2. Gli insegnanti e il rapporto con studenti e genitori; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.2. Partecipazione degli studenti alla vita scolastica; 3.3. Orientamento e sostegno; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.5. Apprendimento e valutazione; 3.10. Sostegno mirato: bisogni educativi speciali e difficoltà di apprendimento

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Belgio

JOPO - ISTRUZIONE DI BASE FLESSIBILE

La Finlandia ha messo a punto una serie di metodi e procedure di insegnamento innovativi per venire incontro alle esigenze individuali e ridurre l’abbandono scolastico mediante l’utilizzo dell’apprendimento basato sulle attività, dell’insegnamento in piccoli gruppi, della formazione sul lavoro e di ambienti di apprendimento diversi.

Aree: 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.6. Apprendimento esteso ed extracurricolare; 3.10. Sostegno mirato: bisogni educativi speciali e difficoltà di apprendimento; 5.1. Équipe multidisciplinari; 5.3. Partenariati: datori di lavoro e imprese; 5.4. Partenariati: organizzazioni della comunità locale e società civile

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Finlandia

Laurea magistrale in “Pedagogia della diversità” (“Maģistraprogramma Dažādībaspedagoģiskierisinājumi”)

La laurea magistrale in “Pedagogia della diversità” (Educational Treatment of Diversity, ETD) è pensata per i laureati in pedagogia e per gli operatori della formazione (pedagoghi e personale amministrativo della scuola dell’infanzia e di altre scuole, della IFP e dell’università) che desiderano ampliare le proprie competenze interculturali. Il programma intende creare un sistema interdisciplinare di conoscenze e competenze socio-pedagogiche, psicologiche e pedagogiche integrate in relazione ai bisogni speciali, per portare la diversità nell’istruzione generale. I contenuti del programma si dividono in due parti. Parte A: moduli obbligatori (inclusa la tesi di ricerca/di laurea), tra cui: “Quadro internazionale e comparativo della pedagogia della diversità”; “Pedagogia dei bisogni speciali originati dalla diversità culturale”; “Gestione e programmi di pedagogia della diversità” ecc.; parte B: corsi opzionali, tra cui: “Metodologia di ricerca per la pedagogia della diversità”; “Integrazione e reinserimento professionali di persone con bisogni speciali di vario genere”. I corsi sono erogati in modalità online e sono previsti incontri settimanali con i professori, in presenza o via Skype.

Aree: 2. Insegnanti; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 1.1. Cultura e clima scolastici; 1.3. Gestione scolastica; 2.1. Capacità e competenze dell'insegnante; 2.2. Gli insegnanti e il rapporto con studenti e genitori; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.8. Sostegno mirato: lingua; 3.9. Sostegno mirato: migranti, rom; 3.11. Sostegno mirato: contesto socioeconomico svantaggiato; 5.1. Équipe multidisciplinari

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Lettonia

LISTA DI CONTROLLO E RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELL’ASSENTEISMO E DELL’ABBANDONO SCOLASTICO

È innegabile che molti casi di assenze ingiustificate e abbandono scolastico precoce richiedano interventi di tipo medico, psicologico, sociale, pedagogico e legale; la ricerca dimostra tuttavia chiaramente che in tutti i casi la scuola e il personale scolastico possono avere un ruolo determinante. Questo documento contiene una lista di controllo per l’autovalutazione delle scuole, 59 raccomandazioni dettagliate per migliorare la frequenza scolastica, il coinvolgimento degli studenti e la cultura scolastica, nonché proposte per accordi in merito alla condotta ed esempi di questionari per insegnanti e genitori. Le misure proposte sono dirette principalmente a insegnanti, dirigenti scolastici e genitori. Il documento è stato tradotto dal manuale di Nairz-Wirth, Feldmann, Diexer (2012): Handlungsempfehlungen für Lehrende, Schulleitung und Eltern zur erfolgreichen Prävention von Schulabsentismus und Schulabbruch.

Aree: 1. Governance delle scuole; 2. Insegnanti; 3. Sostegno agli studenti; 4. Coinvolgimento dei genitori; 5. Coinvolgimento delle parti interessate

Sotto-aree: 1.1. Cultura e clima scolastici; 2.3. Formazione iniziale e sviluppo professionale continuo degli insegnanti; 3.1. Benessere degli studenti; 3.3. Orientamento e sostegno; 3.4. Programmi scolastici e percorsi di apprendimento; 3.6. Apprendimento esteso ed extracurricolare; 3.7. Monitoraggio degli studenti a rischio; 4.1. Comunicazione e informazione; 5.2. Reti delle parti interessate

Lingua: BG; CZ; DA; DE; EL; EN; ES; ET; FI; FR; HR; HU; IT; LT; LV; MT; NL; PL; PT; RO; SK; SL; SV

Paese: Austria

Mostra i prossimi 10 risultati