Scuole eco-friendly per un futuro migliore

Image: Leo Rivas / Unsplash.com

La civiltà moderna ha già iniziato a danneggiare il pianeta. Noi tutti abbiamo a cuore l’ambiente e teniamo conto degli Obiettivi di sviluppo sostenibili delle Nazioni Unite, ma come mettiamo in pratica tutto questo? Questo è un tema sul quale gli insegnanti non dovrebbero esitare a imparare insieme ai loro studenti.

Per calcolare la probabilità dell’esistenza di vita intelligente nella galassia, la famosa Equazione di Drake usa la longevità di una civiltà tecnologica tra i vari parametri. Come disse Carl Sagan, “La civiltà può impiegare miliardi di anni di complessa evoluzione per svilupparsi e poi estinguersi in un istante di imperdonabile trascuratezza.”

Ci sono molti approcci che insegnanti e scuole possono adottare per esplorare questo tema con gli studenti. Ecco tre progetti dai quali puoi trarre ispirazione:

Ecological, what else?

Quanta acqua ed energia consumano insegnanti e studenti? I rifiuti possono essere separati o, ancor meglio, evitati? La tua scuola offre abbastanza attività sportive e pasti ecologicamente sostenibili? Queste non sono solo domande teoriche, quantomeno non per il progetto Ecological, what else? Sustainable schools on the fast lane in Europe (Ecologico, che altro? Scuole sostenibili al primo posto in Europa).

Attraverso workshop e opportunità di mobilità, le scuole partener hanno lavorato per migliorare le loro condizioni e potenzialmente diventare ÖKOLOG Schools (Scuole ecologiche) certificate. Dal momento che si trovavano tutte in diverse parti d’Europa, hanno potuto trarre ispirazione dai diversi standard e pratiche dei colleghi in termini di ecologia. Le scuole partner hanno realizzato fogli di lavoro, azioni, quiz e questionari su molti temi, per esempio la gestione dei rifiuti. Hanno anche prodotto congiuntamente un libro di cucina e, al fine di analizzare le esigenze e il potenziale degli studenti per lo sport, hanno condotto una serie di interviste:

Oltre a essere incentrato sul tema della sostenibilità, il partenariato è stato anche sostenibile nella pratica: ha riutilizzato le conclusioni di precedenti programmi nazionali e ha diffuso i propri risultati.

Ecological, what else? è stato un Partenariato Strategico Erasmus+ tra 6 paesi: Austria, Repubblica Ceca, Italia, Portogallo, Slovacchia e Turchia. È stato attivo tra il 2014 e il 2016, ed è stato designato storia di successo ed esempio di buone pratiche.

Sulla strada verso lo sviluppo sostenibile

Secondo il Programma d’azione globale dell’UNESCO, la sostenibilità non dovrebbe essere semplicemente una voce da spuntare nel programma scolastico, ma dovrebbe permeare l’intera cultura scolastica, i suoi valori, le sue attività e le sue politiche. Questo è stato anche l’obiettivo del progetto ECORoad, il cui titolo completo è: “Improving education for sustainable development through development of school culture” (Migliorare l’educazione allo sviluppo sostenibile attraverso lo sviluppo della cultura scolastica).

Il progetto ha organizzato cinque incontri internazionali e quattro sessioni di formazione. Un risultato di spicco è stato il manuale A Road Map to an ESD school, che contiene esempi di attività di sviluppo usate nelle scuole partner, strutturate attorno al modello di Schoen delle quattro dimensioni chiave:

  • orientamento professionale;
  • struttura organizzativa;
  • insegnamento e apprendimento;
  • approccio incentrato sugli studenti.

Un confronto fra i sondaggi pre- e post- progetto dimostra che, al termine del lavoro, personale e studenti sono diventati più consapevoli dello sviluppo sostenibile. Un insegnante, per esempio, ha affermato: “I gruppi di partecipazione sono un buon modo per insegnare agli studenti il senso di responsabilità [come] avere la responsabilità di curare il pesce rosso della classe.”

ECORoad è stato un Partenariato Strategico Erasmus+ tra 4 paesi: Belgio, Islanda, Finlandia e Regno Unito. È stato attivo tra il 2016 e il 2018, ed è stato designato esempio di buone pratiche.

Sei ONG ornitologiche, migliaia di classi

Educare al rispetto per la natura porta molti vantaggi: pone le basi per il benessere personale, promette un futuro più sostenibile per le comunità e sviluppa competenze che aiuteranno i bambini in altri campi dell’apprendimento. Ciò nonostante, non compare molto nell’educazione pre-primaria e primaria. Il progetto Empowering teachers and pupils for a better life through nature tenta di colmare questo vuoto producendo materiali di supporto di alta qualità, organizzando sessioni di formazione e costruendo reti a livello nazionale ed europeo. Il progetto si è concentrato sugli insegnanti delle aree rurali e delle piccole città: 60 di loro hanno preso parte alle sessioni di formazione, 342 hanno partecipato agli eventi e oltre 2360 sono stati raggiunti con altri mezzi.

Le risorse didattiche sono disponibile in tutte le lingue del partenariato, in formato scaricabile e in un’app: attraverso di essi, gli studenti possono studiare le migrazioni degli uccelli, le rotte migratorie, le misure di conservazione, la biodiversità e molto altro.

Bird nests

Il canale YouTube del progetto-madre, Spring Alive, contiene anche molti tutorial video filmati in loco.

Il progetto è stato un Partenariato Strategico Erasmus+ tra 6 paesi: Repubblica Ceca, Irlanda, Macedonia del Nord, Polonia, Slovacchia e Spagna. È stato attivo tra il 2016 e il 2018, ed è stato designato esempio di buone pratiche.

Per scoprire i progetti (in corso e passati) finanziati dall’UE nell’ambito dell’istruzione scolastica, visita la Piattaforma dei risultati dei progetti Erasmus+.
Argomenti: