Progetti di orientamento professionale per preparare gli studenti al futuro

Image by: Mohamed Hassan / Pixabay.com

Le scuole sottolineano l'importanza dell'istruzione, ma molti studenti faticano a capire come possa tradursi in una carriera. Fortunatamente esistono nuovi e innovativi approcci all'orientamento professionale che possono mettere i tuoi studenti sulla strada giusta.

Strumenti specifici per gli studenti

Attraverso delle piattaforme uniche che si concentrano sulle competenze individuali e lo sviluppo personale, due nuove iniziative, G-Guidance e DiagOriente, si pongono come obiettivo di facilitare le future scelte professionali dei giovani e fornire agli operatori del settore dell’orientamento professionale e agli insegnanti gli strumenti necessari per sostenerli.

G – Guidance è un progetto finanziato da ERASMUS+ che mira a introdurre i giovani tra i 13 e i 17 anni al mondo dell’orientamento professionale. Per coinvolgere e stimolare gli studenti a rischio o poco motivati, vengono utilizzati modelli e metodi per l’orientamento professionale basati su dati concreti in combinazione con una piattaforma ludica. Inoltre, vengono offerti corsi di formazione specializzati per insegnanti, per aiutarli a guidare e sostenere gli studenti sulla piattaforma.

DiagOriente offre una piattaforma gratuita in lingua francese per aiutare gli studenti a identificare le loro competenze trasversali attraverso un percorso di orientamento guidato. Sono stati ideati diversi giochi per permettere agli studenti di esplorare le aree di interesse, capire quanto sono in linea con le loro competenze e scoprire quali offerte di formazione esistono vicino a loro. Questo può fornire ai giovani che hanno concluso gli studi un’opportunità per esplorare i loro interessi e le loro possibilità in maniera divertente.

Strumenti online per l’orientamento professionale

In un mondo digitalizzato in rapido mutamento, l’accesso all’orientamento professionale online è importante, soprattutto per gli studenti. Fortunatamente, ora gli strumenti online per l’orientamento professionale permettono di esplorare in maniera approfondita il futuro mercato del lavoro e le competenze richieste. Esempi come la Bussola Professionale (Yrkeskompassen) in Svezia, mostrano come questi strumenti possono contribuire a una più vasta diffusione delle informazioni, una maggiore utilizzabilità di questo genere di informazioni e un processo di selezione più efficace.

Questo strumento può orientare le scelte professionali degli studenti fornendo informazioni precise sulle opportunità lavorative esistenti in quasi 200 diversi ruoli, ed è anche in grado di stimare la domanda futura sul corto e lungo termine per questi posti di lavoro. Vengono inoltre fornite informazioni su titoli di studio, competenze e fattori chiave necessari per perseguire un determinato percorso professionale.

Questo permette agli studenti di essere padroni del proprio percorso e di prendere scelte consapevoli sulla loro futura occupazione.

L’approccio “a sportello unico”

È un ufficio del lavoro un po’ diverso. Offre a laureati e giovani in cerca di lavoro tutto quello di cui hanno bisogno in un solo luogo: consulenza professionale, accesso gratuito a spazi digitali e piani carriera per il futuro. Questi centri permettono una condivisione efficace delle conoscenze, offrono competenze, spazi e risorse e hanno la capacità di raggiungere un pubblico ampio. L’UE ha promosso questi “sportelli unici” nel quadro del rafforzamento della garanzia per i giovani, e molti paesi stanno già concentrando tutti i servizi per i giovani in un solo posto. Tra i risultati ottenuti fino ad ora dai due progetti in Belgio e Croazia qui citati troviamo:

  • Maggiore cooperazione e coordinazione tra le organizzazioni che si occupano di lavoro, istruzione e politiche sociali,
  • Maggiore consapevolezza tra i cittadini sull’importanza dell’orientamento professionale,
  • Alto tasso di soddisfazione presso gli utenti e crescita della domanda.

La “Cité des Métiers” di Bruxelles è nata nel 2018 in risposta all’alto tasso di disoccupazione registrato nella città. Il progetto raccoglie informazioni in diverse lingue e le rende disponibili per giovani, persone in cerca di lavoro e neo laureati in cerca di consulenza professionale nella regione di Bruxelles capitale. Attraverso un approccio multidisciplinare e in collaborazione con diversi partner, la “Cité des Métiers” riesce a raggiungere anche le persone ai margini del mercato del lavoro e offre consulenza e informazioni su un’ampia gamma di professioni.

Il Centro croato per l’orientamento professionale permanente (CISOK) è stato fondato nel 2013 e fornisce ai cittadini croati servizi gratuiti di orientamento professionale permanente, con particolare attenzione ai giovani. L’iniziativa combina servizi online (questionari di autovalutazione, un portale di scambio del lavoro) offerti tramite una piattaforma web (www.cisok.hr) e servizi in presenza come sessioni di consulenza individuali o di gruppo sulle competenze in materia di gestione della carriera, o seminari sulle tecniche di ricerca del lavoro.

 Vorresti sapere se servizi o strumenti simili esistono anche nel tuo paese? Contatta il servizio pubblico per l’impiego più vicino e chiedi informazioni