Ehi Siri – perché l'intelligenza artificiale è importante per l'istruzione?

Image: Gertrūda Valasevičiūtė / Unsplash.com

La professoressa Rose Luckin dell’UCL, Londra, pensa costantemente a come intelligenza artificiale (AI) avrà un impatto su insegnamento e apprendimento e come possiamo prepararci meglio per trarre vantaggio dal suo potenziale. Suggerisce tre prospettive da esaminare.

Innanzitutto si può usare l'intelligenza artificiale (artificial intelligence-AI) per affrontare alcune delle sfide educative che abbiamo davanti a livello mondiale, come la carenza di insegnanti e la disuguaglianza. L'AI è un modo eccellente per identificare come persone di tutte le età acquisiscono conoscenza del mondo tramite molte aree disciplinari, in particolare le discipline STEM e l'apprendimento delle lingue L'AI fornisce feedback sintonizzato sulle esigenze di ogni discente e può selezionare le attività e i compiti più idonei per ogni discente. Può anche elaborare i dati su come le persone si comportano mentre apprendono e questa analisi può mostrare a insegnanti e formatori come i loro alunni imparano e che cosa apprendono.

In secondo luogo, l'AI è qualcosa che è necessario insegnare. Tutti, inclusi educatori e istituzioni didattiche, devono saperne abbastanza sull'AI per poterla usare in modo sicuro e per trarne beneficio. Ciò non significa che tutti devono essere capaci di scrivere codici AI; significa solo che occorre comprendere i principi che sono alla base dell'AI, che cosa può fare, che cosa non può fare e perché i dati sono importanti per l'apprendimento automatico e l'AI.

In terzo luogo, e questo è il punto più complesso, dobbiamo considerare il modo migliore per cambiare come educhiamo e formiamo le persone, poiché ora abbiamo macchine intelligenti in grado di elaborare masse di dati in modo molto accurato. L'AI non è intelligente nel modo in cui gli esseri umani sono intelligenti: noi abbiamo un repertorio molto più ricco di comportamenti intelligenti. Ma nelle aree dove l'AI è intelligente, supera le nostre capacità: trovare una frase particolare tra migliaia di documenti, recuperare informazioni oggettive in risposta a un quesito o completare calcoli complessi. Dobbiamo perciò assicurarci che i nostri sistemi educativi non si concentrino su ciò che l'AI sa fare a detrimento di ciò che non sa fare.


Rose Luckin (@Knowldgillusion) è professoressa di progettazione centrata sul discente presso la University College London (UCL) con una formazione sull'intelligenza artificiale (AI). Dirige anche l'unico acceleratore di ricerca del mondo per aziende di tecnologia educativa - EDUCATE presso la UCL a Londra – e ha co-fondato l' Institute for Ethical AI and Education.