Sostenere la salute mentale e il benessere degli alunni rifugiati garantendo connessione e continuità

Image: Pan Xiaozhen / Unsplash.com

L’esperienza della guerra, della fuga improvvisa dai posti conosciuti e la preoccupazione per le sorti dei propri parenti possono avere un impatto negativo sulla salute mentale e il benessere dei bambini rifugiati che avrà conseguenze anche sulla loro esperienza d’apprendimento. È dunque importante che le scuole, in particolare quelle che al momento accolgono un numero elevato di rifugiati, diventino ‘competenti in materia di rifugiati’.

Le ‘scuole competenti in materia di rifugiati’ devono essere a conoscenza delle esigenze specifiche dei rifugiati e fornire al proprio personale le competenze e gli strumenti necessari per offrire loro il sostegno di cui hanno bisogno. Al fine di evitare ritardi nell’apprendimento, è possibile integrare forme di sostegno psico-sociale nelle pratiche formative della scuola. Tale sostegno deve essere integrato in uno schema più ampio e trasversale che prenda in considerazione tutti i bisogni dei bambini e che collabori con i servizi sociali e sanitari.

A tal fine, diversi progetti Erasmus+ e Horizon 2020 hanno sviluppato risorse e piani di intervento appositi. Scuole e insegnanti possono avvalersi di queste risorse per accogliere bambini rifugiati, soddisfare i loro bisogni emotivi (per esempio il bisogno di sentirsi al sicuro o l’affrontare la separazione, la perdita, il lutto e il trauma) e i loro bisogni sociali (per esempio sviluppare un senso di appartenenza o comunicare con gli altri) come anche per cooperare con gli specialisti.

Risorse:

  • Questo webinar di School Education Gateway mostra come le scuole possano rivestire un ruolo fondamentale nel soddisfare le esigenze di bambini sotto stress e traumatizzati e come rafforzare la loro salute mentale e il loro benessere. Mostra anche quali fattori di rischio entrano in gioco nella popolazione migrante e dei rifugiati e come questi fattori possano venir affrontati all’interno del contesto scolastico. Fornisce inoltre consigli concreti su temi come l’importanza delle arti, del trovarsi in mezzo alla natura, dell’uso della ‘magia del quotidiano’ che si traduce, ad esempio, nella creazione di una nuova routine e nel sostegno da parte dei compagni.
  • Il Toolkit europeo per le scuole raccoglie un’ampia verietà di piani di intervento e risorse in varie lingue, che include i progetti RefugeesWellSchool e SHARMED: Shared Memories and Dialogue (in italiano: SHARMED: Memorie condivise e dialogo). Molte altre risorse saranno disponibili nei prossimi giorni.