Quattro elementi essenziali per l'uso delle tecnologie nell'orientamento professionale

Image: Mohamed Hassan /pixabay.com

Le Tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) stanno prendendo sempre più piede nel campo dell'orientamento e della consulenza. Ci sono stati degli avanzamenti significativi nell'integrazione delle nuove tecnologie nel campo dei servizi alla carriera e le relative pratiche, ma esiste ancora del potenziale per ulteriori miglioramenti.

Il ruolo delle tecnologie digitali è tornato sotto la luce dei riflettori durante la pandemia di COVID-19. Le innovazioni tecnologiche, come l’espansione di Internet e il maggiore uso di telefoni cellulari e social media, forniscono delle nuove opportunità per l’accesso ai servizi alla carriera e permettono ai fornitori di questi servizi di raggiungere soprattutto i più giovani (ad es. attraverso giochi sulla carriera professionale, fiere del lavoro virtuali, chat o conversazioni con chatbot, messaggi di testo o conferenze online). Nella maggior parte dei paesi, le TIC vengono sempre più utilizzate nel campo dell’orientamento professionale, ma il grado di successo del loro utilizzo varia sensibilmente da paese a paese. Con la continua proliferazione delle nuove tecnologie, migliorare l’adozione delle TIC nell’orientamento professionale è diventato sempre più importante.

Elementi chiave da considerare

Recenti ricerche hanno fatto luce sugli elementi chiave che determinano un’attuazione riuscita delle TIC nell’orientamento professionale, ovvero: accesso adeguato alle TIC, accesso adeguato alle informazioni, abilità e competenze adeguate e integrazione adeguata.

Accesso adeguato alle TIC

Le diseguaglianze nell’accesso alle TIC, in particolare per le zone isolate e per i gruppi svantaggiati che non possiedono dispositivi propri o dispongono di una connettività limitata in casa, rappresentano un grande ostacolo per un’attuazione generalizzata della tecnologia nel campo dei servizi per l’orientamento professionale. Senza un adeguato accesso alle TIC è impossibile sfruttare al meglio le opportunità offerte dalle tecnologie emergenti e già esistenti. È necessario stabilire linee guida e strategie nazionali per garantire i finanziamenti, in modo che tutti i cittadini possano accedere in maniera adeguata ai servizi alla carriera, compresi quelli online.

Accesso adeguato alle informazioni

I limiti all’accesso a informazioni, contenuti e materiali per lo sviluppo professionale rappresentano ancora una grande sfida per alcuni paesi. In alcuni casi i dati o la presentazione dei dati sono obsoleti o non validi. Esiste la chiara necessità di aumentare la disponibilità e facilitare l’accesso a informazioni pertinenti, aggiornate e appropriate da un punto di vista culturale, sia sul piano nazionale che su quello locale. I contenuti dovrebbero essere adattati e resi compatibili con le più recenti tecnologie. Un altro fattore che potrebbe limitare l’accesso alle informazioni è il divario digitale, ovvero non disporre delle conoscenze per accedere, valutare e utilizzare le risorse di informazione.

Abilità e competenze adeguate

Lo sviluppo delle capacità degli operatori dei servizi alla carriera è fondamentale affinché l’integrazione delle tecnologie digitali in questo settore abbia successo. C’è un urgente bisogno di corsi di formazione continua e propedeutici che integrino queste conoscenze. Gli operatori dei servizi alla carriera devono seguire corsi sulle competenze digitali e poter in seguito mettere in pratica queste competenze per estendere l’orientamento professionale e supportare le persone con minori competenze digitali, sia nel loro sviluppo professionale che nel loro uso dei servizi di orientamento digitali. Un’integrazione riuscita della tecnologia nell’orientamento professionale non dipende solo dalle competenze o strutture tecniche a disposizione, ma anche dalla volontà degli operatori di accettare il cambiamento portato dalle nuove tecnologie.

Integrazione adeguata

L’uso di tecnologie eterogenee ed i continui sviluppi tecnologici hanno reso sempre più importante l’adeguata attuazione delle TIC nell’orientamento professionale, anche se persistono alcune difficoltà. Tra i problemi che spesso possono comprometterne un’attuazione efficace ci sono scarsa pianificazione, mancanza di partecipazione nel processo decisionale da parte degli operatori, scarsa integrazione delle nuove tecnologie nelle aziende che forniscono i servizi, scarsa valutazione e un’inadeguata formazione del personale. Una soluzione potrebbe essere garantire maggiore coordinazione tra partner e assicurare stabilità nei finanziamenti per l’erogazione dei servizi.

L’attuazione delle tecnologie digitali nell’orientamento professionale è un processo in corso

L’attuazione delle tecnologie digitali nell’orientamento professionale è un processo in corso. Anticipare i possibili problemi può ridurre il tempo necessario a risolverli. L’attuazione di queste tecnologie può promuovere un uso più efficace di risorse e servizi di alta qualità da parte dei cittadini. È interessante notare che nonostante i quattro elementi essenziali qui elencati si riferiscano alle tecnologie digitali, sono poi i singoli operatori del settore a fare la differenza e non le tecnologie.  


Jaana Kettunen

Jaana Kettunen è vicedirettrice e ricercatrice dell’Istituto Finlandese per la ricerca sull’educazione dell’ Università di Jyväskylä in Finlandia. Si occupa di progettazione e usi pedagogici delle TIC e dei social media negli ambienti di lavoro e di apprendimento.